Alzarsi nella notte è il lavoro di tua moglie | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

Alzarsi nella notte è il lavoro di tua moglie

Alzarsi nella notte è il lavoro di tua moglie

Mio figlio aveva sei mesi quando mia madre ha chiesto: “Perché hai trovato nella notte? Questo è il lavoro di tua moglie.”

Avevo 24 anni, uno studente di college a tempo pieno, e quasi un server a tempo pieno quando mia madre mi ha chiesto questa domanda. Mia moglie, Mel, ha lavorato a tempo pieno. Il nostro figlio ha trascorso cinque giorni a settimana con mia madre-in-law. Abbiamo avuto un sacco di cose.

Mi lamentavo con lei di quanto poco sonno che avevo ottenuto la sera prima.

Mel e ho diviso la notte a metà. Non riuscivo a dormire seduto, e mi sono preoccupato che se mi scivolò l'avrei cadere. E 'stato un sacco di lunghe notti che guardano la televisione con gli occhi iniettati di sangue, un bambino cullato nel mio braccio destro. Mi sono addormentato in classi, corridoi e autobus. A volte mi sono svegliato in luoghi strani.

load...

Non potevo immaginare ponendo questa responsabilità esclusivamente su Mel.

Mamma e io stavamo parlando al telefono. Lei era nella sua metà degli anni '50, al momento. Sono rimasto un po 'scioccato dalla sua domanda. Una donna forte che è stata abbandonata da mio padre quando avevo nove anni mamma. In seguito morì di tossicodipendenza. Alzò tre figli come una madre single. Avevo pensato che sarebbe fiero di avere un figlio che era disposto a alzarsi la notte, ma mi sbagliavo.

Non ho davvero sapere come rispondere alla sua domanda, così ho detto: “Io non lo so. Faccio solo.”

Lei emise un grugnito che sembrava dire: "Farle sapere chi è il capo."

Ho visto alzarsi la notte come uno dei miei molti doveri paterni, come cambiare un pannolino. Ma ovviamente mia madre non la vede così.

Da quello che ho capito, quando ero un bambino e padre era ancora in giro, mia madre era una mamma soggiorno-at-home. Alzò i bambini in un'epoca diversa, quando gli obblighi di crescita dei figli è caduto esattamente sulla madre. E 'un baby boom, cresciuto a Provo, Utah. Devo presumere che stava al riparo dal movimento femminista - o forse lei stessa al riparo da essa. Forse ha trovato pericoloso. Io non lo so davvero. Ma quello che so è che crescere una famiglia nel 2017 prende un sacco di lunghe ore fuori casa, e l'essere genitori significa cogliere ogni opportunità di essere con i vostri figli, anche se tali opportunità sono nel bel mezzo della notte.

load...

Sei anni più tardi, ho ancora alzo con i miei figli. Abbiamo due di loro ora. Io lavoro in materia di istruzione, il che significa che ho una formazione dei colletti bianchi, ma guadagnare un salario operaio. Sono un consulente accademico tradizionale università mattoni e malta, a volte io insegno per quella stessa università, e insegno due, a volte tre, le classi alla volta per un'università online.

Mi alzo presto, e quando le carte sono in, torno a casa tardi. Certi giorni non vedo i miei figli.

Mel è troppo occupato. Lei incinta, una mamma a tempo pieno di due, e uno studente part-time. Vengo spesso a casa tardi per trovare lei in pantaloni della tuta, chino su una tastiera, con gli occhi iniettati di sangue, sia i bambini addormentati sul divano, un film sul televisore.

Alzarsi la notte è a volte l'unica ne ho l'occasione per risolvere i problemi dei miei figli, tenerli per un momento, o sentire le parole dolci, ‘Ti amo, papà’. Anche se mi lamento di essere stanco, penso spesso indietro sulla strada miei sei-anno-vecchio figlio strettamente afferra il braccio mentre mi sdraio a letto con lui dopo un incubo, e il sorriso. E penso al mio di quattro anni, figlia rannicchiata in una palla alle due del mattino, piangendo e tremando, e come mi sento soddisfatta dopo averla vista stendere sotto la coperta calda ho messo su di lei.

In quei momenti, mi sento necessaria.

Mi sento apprezzato.

Alcuni giorni questa è la mia unica possibilità di fare qualcosa di più per i miei figli che solo portando in una busta paga.

Se dovessi rispondere alla domanda di mamma ora, io le direi che mi alzo la notte perché a volte è l'unica ne ho l'occasione di sentirsi come un padre.

Clint Edwards è l'autore di idea di quello che sto facendo: un blog papà. Vive in Oregon. Seguilo su Facebook e Twitter.