Il denominatore comune - le mamme sane hanno i neonati formati | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

Il denominatore comune - le mamme sane hanno i neonati formati

Il denominatore comune - le mamme sane hanno i neonati formati

Uno studio internazionale limite rintracciato quasi 60.000 gravidanze da una diversa selezione di paesi che comprendeva Francia, Cina, India, Italia, Kenya, Oman, Regno Unito e Stati UFrance. Essi hanno scoperto che i bambini si sono rivelate nettamente simili per dimensioni a condizione che essi sono nati da madri istruite in buona salute che ha mangiato bene durante la gravidanza.

Questo significa che la disparità globale nel formato del bambino riflette le lacune salute e ricchezza, piuttosto che razza ed etnia come si pensava.

Possiamo essere uguali alla nascita

“Attualmente non tutti sono uguali alla nascita. Ma possiamo essere,”dice l'autore il professor Jose Villar del Dipartimento Nuffield di Ostetricia e Ginecologia, Università di Oxford. “Siamo in grado di creare un inizio simile per tutti facendo in modo che le madri sono ben istruiti e nutriti, trattando l'infezione e fornendo un'adeguata assistenza prenatale.”

load...

“Non ci dicono nulla può essere fatto”, dice Villar. “Non dire che le donne in alcune parti del mondo hanno i bambini piccoli, perché sono predestinati a farlo. Non è vero.”

Ultrasuoni trovato somiglianze

Utilizzando esattamente la stessa tecnologia in tutti i paesi, i ricercatori hanno misurato la crescita delle ossa dei bambini nel grembo materno mediante ultrasuoni e trovato somiglianze tra i gruppi etnici e razziali, ma entro i ben istruiti, cerchi in buona salute.

La lunghezza media alla nascita dei neonati era 49,4 ± 1,9 centimetri.

I ricercatori hanno concluso che solo il quattro per cento delle disparità di dimensioni potrebbe essere contabilizzato a causa di razza ed etnia.

Curve di crescita neonati dovrebbero essere standardizzati

Secondo lo studio della diversità dei tanti grafici di crescita - oltre 100 di loro - utilizzato per tenere traccia dei neonati in tutto il mondo è un problema, e deve essere standardizzato come quello per i bambini.

load...

“Questo è molto confusa per i medici e le madri e non ha senso biologico,” dice il professor Stephen Kennedy, Università di Oxford, uno dei maggiori autori della carta. “Come può un feto o un neonato essere giudicati piccolo in una clinica o in ospedale e trattati di conseguenza, solo per la madre di andare in un'altra città o paese, ed essere detto che il suo bambino sta crescendo normalmente?”

Studio intergrowth-21

Questo studio, chiamato intergrowth-21, è stato ispirato da uno studio simile dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, chiamato multicentrico Crescita Reference Studio, che ha omologato le tabelle di sviluppo per i bambini ora utilizzati in 140 paesi.

Lo studio intergrowth-21, condotto da un team di ricercatori della Oxford University, mira ora a definire lo standard per la crescita del feto e neonato dimensioni in base alla corretta salute e la nutrizione da parte della madre.

“Basti pensare, se il vostro colesterolo o la pressione sanguigna sono alte, sono ad alto contenuto indipendentemente da dove si vive. Perché la stessa cosa non si applicano alla crescita?”, Dice il professor Villar.

I ricercatori hanno grandi speranze che i risultati sorprendenti del loro studio incoraggeranno una migliore salute materna a livello globale.

Mamme sane hanno i bambini che crescono in modo simile

“Il fatto che quando le madri sono in buona salute, i bambini crescono nel grembo materno in modo molto simile in tutto il mondo è un messaggio estremamente positivo di speranza per tutte le donne e le loro famiglie”, dice il professor Zulfiqar Bhutta, da L'Aga Khan University, Karachi , il Pakistan e l'Hospital for Sick Children di Toronto, in Canada, che è il presidente del comitato direttivo di questo gruppo di ricerca globale.

Fornire la migliore salute materna e infantile

Con i progetti già in corso, come materna Alliance for Mobile azione (MAMA), che telecommunicates consiglio sanitario per mamme e mamme di essere in paesi come il Bangladesh con accesso ridotto, ma un elevato consumo telefono cellulare, è possibile che il cambiamento potrebbe venire su in fretta in alcuni luoghi.

Secondo Bhutta, la comunicazione è solo metà della battaglia, e la vera sfida sta nel cambiare le credenze e le abitudini tra i professionisti della salute.

“Ci sono le implicazioni in termini di modo di pensare la salute pubblica: si tratta di circa la possibilità di salute e di vita dei futuri cittadini ovunque sul pianeta,” afferma Bhutta. “Tutti coloro che sono responsabili per l'assistenza sanitaria dovrà pensare a fornire la migliore possibile la salute materna e infantile.”

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista The Lancet.

(AFP Relaxnews)