La tecnica MRI potrebbe aiutare con la diagnosi di ADHD nei bambini piccoli | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

La tecnica MRI potrebbe aiutare con la diagnosi di ADHD nei bambini piccoli

La tecnica MRI potrebbe aiutare con la diagnosi di ADHD nei bambini piccoli

Recenti ricerche suggeriscono livelli di ferro nel cervello in grado di identificare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) nei bambini e portare a interventi più individualizzati.

Uno studio pubblicato sulla rivista Radiology ha identificato una tecnica di imaging reasonance magnetica (MRI) per misurare i livelli di ferro nel cervello che potrebbero fornire diagnosi accurate, non invasive.

ADHD può essere difficile per i medici da distinguere da altre condizioni psichiatriche, in particolare perché la diagnosi si basa su consultazioni cliniche soggettive.

load...

"Molto dibattito e preoccupazione è emersa per quanto riguarda l'aumento continuo della diagnosi di ADHD negli Stati Uniti, dato che i due terzi di quelli diagnosticati ricevono farmaci psicostimolanti," ha dichiarato Vitria Adisetiyo, Ph.D., ricercatore post-dottorato presso la Medical University of South Carolina a Charleston. "Volevamo vedere se potevamo identificare cerebrale di ferro come un potenziale biomarcatore non invasivo per i farmaci ADHD naïve per evitare una diagnosi errata."

I ricercatori hanno lavorato con 22 bambini e adolescenti con diagnosi di ADHD, 12 dei quali non avevano mai stato dato il farmaco, e misurato i loro livelli di ferro cerebrale utilizzando una risonanza magnetica (MRI) tecnica conosciuta nella comunità medica come "immagine campo magnetico di correlazione".

Hanno confrontato i risultati con quelli di 27 bambini e adolescenti sani e trovato che i 12 pazienti affetti da ADHD mai esposti a psicostimolanti avevano più bassi livelli di ferro nel cervello rispetto sia al gruppo sano e pazienti ADHD medicati.

load...

Il risultato non solo suggerisce psicostimolanti potrebbero ripristinare i livelli di ferro nel cervello carenti, ma potrebbero portare i genitori si oppongono all'uso dei farmaci per una migliore comprensione.

"La nostra ricerca suggerisce che l'assorbimento del ferro nel cervello può essere anormale in ADHD, dato che i livelli di ferro cerebrale atipici sono trovati anche quando i livelli di ferro nel sangue nel corpo sono normali", ha detto il dottor Adisetiyo. "Abbiamo trovato differenze nelle misure di ferro nel sangue tra i controlli, i pazienti ADHD farmaci naïve o pazienti ADHD pscyhostimulant medicati".

Campo magnetico di imaging correlazione è stata introdotta nel 2017 dal co-autori dello studio e docenti Joseph A. Helpern, Ph.D., e Jens H. Jensen, Ph.D.

"Vogliamo che il pubblico sappia che si stanno compiendo progressi nell'identificare potenziali biomarcatori non invasivi biologiche di ADHD che possono aiutare a prevenire diagnosi errate", ha detto il dottor Adisetiyo. "Al momento stiamo testando i nostri risultati in una coorte più ampia per confermare che la misurazione dei livelli di ferro nel cervello ADHD è davvero un biomarcatore affidabile e clinicamente realizzabile."

Se la tecnica campo magnetico correlazione dimostra di essere efficace, più ricerca potrebbe portare a individuare quali pazienti sono candidati per psicostimolanti nell'interesse di minimizzare il loro uso tra i giovani.

(AFP Relaxnews)