Le lezioni che ho imparato sul rugby e la vita dal mio fan di numero uno | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

Le lezioni che ho imparato sul rugby e la vita dal mio fan di numero uno

Le lezioni che ho imparato sul rugby e la vita dal mio fan di numero uno

“Facciamo un po 'di fuoco!” Gridava da bordo campo, e nel suo gusto per il gioco e la sua riluttanza ad accettare niente di meno che il meglio da suo figlio, c'è un messaggio che fa eco le generazioni, da giocatore a allenatore a ref al ventilatore sportivo finale... Papà. Da Sean O'Connor

Dal fondo di un sudato pile-up di corpi pelosi ovunque su un campo di rugby del liceo, sarei ancora in grado di sentire mio padre. “Facciamo un po 'di fiiiiire!” E' stato uno dei suoi soffietti distintivi.

Dopo diversi anni, facendo finta di non sentirlo è diventato più facile per me. Avevo calcolato che la mia prestazione non aveva alcuna correlazione con le sue appassionate suppliche di fare qualcosa di specifico durante il gioco.

load...

Che spesso viaggiato grandi distanze per vedermi giocare il rugby è stato umiliante. Ho amato mio padre immensamente, era profondamente affezionato e aveva un gusto fenomenale per la vita. Ma vincere significava troppo per lui. “Mostrami un buon perdente, e io vi mostrerò un perdente,” era solito dire, e “nessuno ricorda il secondo posto.” La terapia, arriviamo!

Così ho trascorso gran parte della mia giovinezza ottenendo buoni risultati, per vincere il suo e l'approvazione di mia madre, e l'affetto. E 'stato un corrotto economia emotiva che avrebbe farmi favori nella vita adulta, e mi ha fatto confuso e pieno di risentimento, spesso compromettendo me stesso e sabotare i miei sforzi. E 'qualcosa che sto cercando di annullare oggi.

Parte di cambiare che sta guardando il mio figlio lo sport gioco

Sento l'eco di mio padre in me - posso essere un estroverso, non ho paura della folla. Ma io sono troppo introverso. Che cosa fa mio figlio ha bisogno da me?

load...

Il mio posto è quello di lasciare a mio figlio sa che io lo amo incondizionatamente. Che amo passare il tempo con lui, e amo tutto ciò che è. Semplicemente grida andare, e il suo nome, è più che sufficiente.

Stranamente, mio ​​padre mi ha dato alcuni spunti per questo. Aveva lavorato che vedermi giocare a tennis, per esempio, potrebbe causare il mio gioco a cadere a pezzi - e così sarebbe stato discreto, osservare da lontano, come se non lo vedevo. Ho apprezzato che.

Mi manca averlo vivo per aiutarmi a distanza oggi, troppo. Mi manca lui gridando: “Diamo un po 'di fuoco!” E' bello avere qualcuno nel vostro angolo, tifo per te sempre. Mi ha insegnato a credere in me stesso, e non mollare mai.

Mi ha insegnato a riflettere profondamente su come battere le probabilità, e mi ha allenato, dandomi il suo tempo e il suo amore. Considerando quello che ha significato per me, io ora apprendo che fandom ha bisogno di essere sana ed equilibrata. Non fanatico, come la parola suggerisce.

Come allenatore di scuola di rugby primaria, ho avuto modo di conoscere i genitori dei ragazzi della mia squadra, i U10s. Quelli mi piaceva di più era il più tranquillo, il più consistente, che potrebbe offrire consigli quando richiesto.

Come un arbitro, in diverse occasioni, ero tentato di lasciare il campo per parlare con un genitore che era troppo vocale, la cui critica me o dei ragazzi è andato troppo lontano, e dare loro il fischio di prendere in consegna. E 'stato un impulso puerile, e non credo che svergognare i genitori è la risposta. Come si ottiene un genitore di agire come un adulto?

Criticare l'arbitro è facile da fare, ma essendo l'arbitro non lo è. Essendo il vostro ref è ancora più difficile

Conoscere ciò che è e ciò che è fuorigioco sul bersaglio ha bisogno di pratica. A volte abbiamo bisogno mamme e papà per aiutarci in questo, per aiutarci a giudicare nostre prestazioni, e celebrare le buone cose che sono successe.

Abbiamo bisogno di loro per aiutarci a sviluppare il nostro modo di intendere le cose come l'amore e le prestazioni, e ciò che vincere e perdere del tutto.

Si chiama un gioco. Ecco perché dovrebbe essere divertente.