Monitoraggio degli smartphone - una barriera tra i genitori e gli adolescenti? | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

Monitoraggio degli smartphone - una barriera tra i genitori e gli adolescenti?

Monitoraggio degli smartphone - una barriera tra i genitori e gli adolescenti?

Nessuna tecnologia, non importa quanto sofisticate, può mai essere un sostituto per essere buoni genitori. Applicazioni di monitoraggio smartphone può responsabilizzare i genitori a tenere il passo con la vita online dei propri figli, per tenere traccia di quali sono messaggistica e per vedere che cosa condividono. Ma la fiducia, la comunicazione e il rispetto reciproco devono essere il fondamento che sostiene l'importante decisione di fornire il vostro teen con uno smartphone.

Monitoraggio sano non esclude la fiducia - dipende da esso

Applicazioni come TeenSafe possono dare ai genitori la pace della mente. Ma è l'atto di controllo del telefono di un bambino in modo invasivo che osta di fiducia e mettere barriere tra genitori e adolescenti? Assolutamente no. Quando il genitore è aperto su quello che stanno facendo e perché lo stanno facendo, il monitoraggio può effettivamente lavorare per favorire la fiducia.

Secondo un esperto, uno smartphone è un privilegio - e privilegi sono dotati di condizioni. Il messaggio per i bambini, secondo lo scrittore, è "con quel privilegio, ci accingiamo a vivere fino al nostro numero uno responsabilità come i tuoi genitori e monitorare in modo che possiamo contribuire a proteggere voi e tenervi al sicuro."

load...

Monitoraggio Smartphone non è diverso da un permesso di studente per un nuovo driver

Questo è essenzialmente la stessa formula per il monitoraggio smartphone. Si mostrano che vi fidate di loro, dando loro un telefono in primo luogo. Di monitorare il loro utilizzo e discutere perché si stanno tenendo d'occhio il loro. Mentre essi mostrano una maggiore padronanza sul loro mondo on-line, di monitorare sempre meno. Ciò che emerge alla fine è un giovane o una donna che può individuare i rischi e di essere di fiducia per gestire correttamente in proprio.

Al di là del problema di privacy: Sfatare il mito no-monitoraggio

Alcuni genitori che non controllano citano motivi indipendenti dalla violazione della privacy del loro teen. Molti genitori pensano che non hanno bisogno di monitorare, dal momento che solo uno su 10 adolescenti utilizzare le applicazioni potenzialmente dannose, come Yik Yak. Giusto, ma la maggior parte dei ragazzi sono su siti tradizionali come Facebook e Twitter, dove un sacco di cose brutte accadono. Altri genitori sostengono che tanto di ciò che il loro bambino fa on-line è banale, run-of-the-mill roba adolescente. Questo è certamente vero per la maggior parte degli adolescenti, ma ci vuole un solo errore in linea a impatto la loro vita.

Alcuni genitori semplicemente non hanno il tempo di monitorare costantemente, e il controllo occasionale lascerà un sacco di problemi di scivolare attraverso. Sì, ma anche il monitoraggio sporadici può prendere un intervallo o un errore - e questo errore potrebbe essere un momento di insegnamento, che potrebbe essere utilizzato per avviare una conversazione.

load...

Infine, molti genitori si chiedono quale sia il punto è, in quanto il loro adolescente sarà in proprio in un anno o due in ogni caso, senza che nessuno di impedire loro di inviare il testo o la pubblicazione di quella foto.

Questo è esattamente il punto.

Come il genitore vigile a cavallo sul sedile anteriore con un driver adolescente in erba, il monitoraggio smartphone di un bambino ora può costruire la loro fiducia, aumentare la loro capacità di riconoscere il pericolo e li prepara per un futuro molto prossimo, quando nessuno li essere aiutare lungo.

Facendo i piccoli errori ora può aiutarli ad evitare di fare quelle più grandi in futuro.

Articolo di: Amy Williams è un giornalista free-lance con sede in California del sud e madre di due. Come genitore, si gode la diffusione della parola sulle tecniche di genitorialità positiva nell'era digitale e la sensibilizzazione su questioni come bullismo e la sicurezza on-line.