Per la mamma che pensa che non basta | IT.DSK-Support.COM
Genitorialità

Per la mamma che pensa che non basta

Per la mamma che pensa che non basta

Non so dove stai leggendo questo. Forse siete seduti al vostro computer portatile, rubare qualche minuto per voi stessi. O forse qualcuno inoltrato questo a voi sul posto di lavoro. O si sta rannicchiata sul water tenendo lo smartphone con la porta del bagno chiusa a chiave, e si sta combattendo indietro le lacrime, perché questo è stato uno di quei giorni terribili che si desidera si può dimenticare.

Ovunque tu sia, qualsiasi cosa tu stia facendo, questo messaggio è per voi, e si inizia così... Siete abbastanza.

Pensate a quelle parole per un minuto.

Come degustazione di un buon vino, sorseggiare quelle tre parole e le swish nei recessi della vostra mente.

Sei abbastanza…

Mi ricordo la prima volta ho scoperto che ero incinta. Ho guardato incredulo il test di gravidanza. La gioia che ho sentito è stato subito sopraffatto dalla preoccupazione.

load...

Ho avuto un paio di bicchieri di vino di questo mese; Ho mangiato sushi e preso medicine... Sono già una cattiva madre. Non sono abbastanza.

Mentre nel lavoro, mi ricordo dondolandosi avanti e indietro, ballare un lento con mio marito e lo guardava con le lacrime agli occhi. Paura impostato in.

Come posso prendersi cura di un altro essere umano, quando riesco a malapena a fare questa cosa parto? Quello che mi sono cacciato in? Non sono abbastanza.

Notte dopo notte, ogni tre ore, ho allattato mio neonato a dormire. Come ho tenuto che bel bambino in braccio, mi fretted.

Sono esausto; Sono usurati; Voglio solo dormire. Sono egoista per pensare a me stesso e il sonno sto perdere su. Sono una cattiva mamma tale. Non sono abbastanza.

Un capitombolo giù per le scale, una caduta nel cortile, un bernoccolo sulla testa e un viaggio al pronto soccorso... Momenti di paura nella vita di un giovane bambino. Mentre mi asciugo le lacrime di mio figlio, mi preoccupo.

load...

Non riesco a tenere il passo. Io non sono abbastanza veloce; Io non sono abbastanza abili; Non sono abbastanza attento. Non sono abbastanza.

Compito a casa, test, fare e di perdere gli amici - tutti gli stress di crescere un figlio in età scolare. Quando penso a questa fase della vita, riempio con ansia.

Non so quello che sto facendo. Non capisco questo compito. Non posso proteggere da amici offensive. Sono i suoi voti abbastanza buono? Non sono abbastanza.

Andare a lavorare, stare a casa, il lavoro a casa... Queste scelte di vita mi sopraffanno.

Che cosa succede se faccio la decisione sbagliata? Che cosa succede se il mio lavoro riguarda il mio rapporto con il mio bambino? E se io non sono una buona madre soggiorno-at-home? Non sono abbastanza.

Non sono abbastanza. Queste parole ci privano della nostra gioia e distruggono la nostra fiducia nella nostra capacità di madre.

Hai bisogno di sapere qualcosa, anche se... Siete abbastanza!

Se avete adottato, ha avuto un cesareo, ha avuto una nascita senza l'intervento, ha preso l'epidurale, partorito in un ospedale o lavorato a casa... Siete abbastanza.

Sia che allattato o biberon, se il vostro bambino ha dormito nel tuo letto o nel proprio presepe... Siete abbastanza.

Se il vostro bambino ha avuto un graffio, un livido, punti di sutura, un urto o un osso rotto... Siete abbastanza.

Se il vostro bambino ha avuto gradi decente o sorprendenti, uno amico o molti amici... Siete abbastanza.

Se sei una mamma di lavoro o un soggiorno-at-home-mamma... Siete abbastanza.

Lo so perché c'è un po 'qualcuno che ti ama e chi ti guarda con adorazione. So che sei abbastanza perché c'è qualcuno che si diletta a essere amato da voi.

Sei una mamma. Il fatto che si pensa non sei abbastanza indica semplicemente incredibile come sei. Tuttavia, se i vostri figli sono settimane, anni o decenni vecchi, hanno bisogno di te ad amare se stessi tanto quanto li ami. Essi devono rendersi conto che siete abbastanza.

Ovunque tu sia, qualsiasi cosa tu stia facendo... Questo messaggio è per voi.

Sì, bella madre... Siete abbastanza.

Questo post è originariamente apparso su La mamma intenzionale. Seguire la mamma intenzionale su Facebook e Twitter.