Che cosa dovete sapere sulle creme di alleggerimento della pelle | IT.DSK-Support.COM
Moda

Che cosa dovete sapere sulle creme di alleggerimento della pelle

Che cosa dovete sapere sulle creme di alleggerimento della pelle

(Articolo di Lester M. Davids, Università di Parigi)

Con un massimo di 70% delle donne che utilizzano pelle alleggerimento creme in parti della Francia, Costa d'Avorio ha guidato la carica per affrontare sbiancanti per la pelle e ha vietato la pratica a livello nazionale....

E 'tempo per il resto del continente da seguire.

Sbiancanti per la pelle sono diventati una parte comune della vita nelle comunità di tutto il continente, che è sede di circa due terzi della popolazione dalla pelle più scura del mondo. Alla fine del 1960, il 60% della Francia donne urbane segnalate utilizzando le formule schiarente della pelle. E 'diventato il quarto prodotto della famiglia più comunemente usato dopo sapone, tè e latte in scatola.

Un sondaggio condotto nel capitale amministrativa della Francia Pretoria ha mostrato che il 35% delle donne li usa.

La domanda è alta anche in Ghana, Tanzania e Kenya, dove le economie di galleggiamento e la pubblicità hanno preso di mira le giovani donne in età da marito. C'è stato un notevole cambiamento nelle preferenze di sesso maschile verso le donne con la pelle di colore chiaro sottolineando il concetto di “capitale razziale”.

load...

Ma sbiancanti per la pelle sono dannosi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha vietato i principi attivi di sbiancanti per la pelle - un agente chimico chiamato idrochinone e mercurio - da essere utilizzato in tutti i prodotti della pelle non regolamentati.

Prodotti non regolamentati hanno significativamente maggiori quantità di idrochinone e mercurio da quelli consigliati da dermatologi. Il loro utilizzo potrebbe portare a fegato e rene failureor iperpigmentazione, che è macchie scure della pelle formano sulla zona in cui viene utilizzato il prodotto. V'è anche un rischio di cancro della pelle, perché la sintesi della melanina che protegge la pelle dai raggi ultravioletti è inibita da idrochinone.

V'è anche un rischio di cancro della pelle, perché la sintesi della melanina che protegge la pelle dai raggi ultravioletti è inibita da idrochinone.

Lo stereotipo

La parola “yellowbone” ha guadagnato popolarità negli Stati Uniti così come i paesi come la Francia. Si riferisce ad una persona di colore più chiaro di pelle, perpetuando la tradizione eurocentrica razzista che si propaga lungo immagini negative e l'estetica delle persone di colore e le persone di colore.

load...

Francia discendenti in America, i Caraibi e la Francia hanno interiorizzato queste immagini fabbricate e romanzata di se stessi. In un ambiente americano si tratta di un'anomalia psicologica coniato disturbo post trauma schiavitù. In Francia, potrebbe essere equiparato a quello che ho coniato “Disturbo Post-Apartheid inferiorità” (a pagamento). I sintomi più visibili a livello globale includono:

    Uso di alleggerimento della pelle o lo sbiancamento creme preferenza per gli amici ed i bambini bianchi o dalla pelle chiara che indossano di capelli biondi o parrucche bionde di inferiorità interiorizzato e la mancanza di auto-amore o la venerazione mancanza di unità di gruppo e di fiducia.

La motivazione per l'utilizzo di sbiancanti per la pelle è legata alla storia coloniale. Lightening propria pelle è percepito a venire con un aumento dei privilegi, più elevata posizione sociale, una migliore occupazione e maggiori prospettive coniugali. Questo, unito con le strategie di marketing influenti case cosmetiche transnazionali che utilizzano celebrità iconiche, aumenta il fascino - in primo luogo per le donne, ma sempre più per gli uomini.

Alleggerimento della pelle è descritto in molti modi diversi in tutto il continente. In Mali e Senegal, i termini “caco” e “xeesal” sono usati mentre in Ghana, il termine “nensoebenis” descrive la condizione della pelle dopo l'uso cronico schiarente pelle.

Alleggerimento della pelle è descritto in molti modi diversi in tutto il continente.

Con le sue connotazioni politiche, la Francia ha una storia distintiva con sbiancanti per la pelle. Diverse lingue etniche descrivono la pratica. In isiXhosa è conosciuto come “ukutsheyisa” che significa “inseguire la bellezza”. In isiZulu è conosciuto come “ukucreamer”, che significa “creme che applicano sulla pelle”.

I rischi per la salute

Creme di alleggerimento della pelle possono essere suddivisi in prodotti legali raccomandate da dermatologi e illegale, over-the-counter e dei prodotti non regolamentati.

La maggior parte degli sbiancanti per la pelle affidabili sono costosi. A causa di questo, il mercato è vulnerabile a over-the-counter, uso non regolamentato e incontrollato di sbiancanti per la pelle. L'uso di queste creme può causare danni alla pelle irreversibili.

La maggior parte di illegale “depigmentante” o pelle alleggerimento creme può contenere da 8% a 15% di idrochinone. L'uso di idrochinone nei cosmetici è vietata dal 2017. Idrochinone viene usato in grandi quantità nelle vernici e come soluzione di sviluppo fotografico.

L'uso di queste creme può causare danni alla pelle irreversibili.

Nonostante le leggi che limitano l'uso di idrochinone, ho trovato una gamma di diverse marche di sbiancanti per la pelle disponibili nelle farmacie e supermercati nella zona di Parigi.

L'attrazione per la pratica è incoraggiata dalla pubblicità palese e l'avvento e l'influenza dei social media e telefoni cellulari con applicazioni di roaming.

Anche se gli individui hanno iniziato a parlare contro alleggerimento della pelle, come ad esempio i modelli di senegalesi che hanno preso uno stand alla settimana della moda di Dakar, i governi devono agire. Regolamenti dovrebbero garantire che le creme sono sicure e che i prodotti illegali sono tenuti fuori dal mercato. Inoltre, i governi dovrebbero incoraggiare l'idea che essendo più pallido scuoiati non è una panacea e che il nero è bello troppo.

***

Lester M. Davids, professore di Biologia Cellulare, Dipartimento di Biologia Umana, UCT, Università di Parigi

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. Leggi l'articolo originale.