Comprendere la schizofrenia | IT.DSK-Support.COM
Salute

Comprendere la schizofrenia

Comprendere la schizofrenia

Riconoscendo la schizofrenia

La schizofrenia ha un enorme impatto sulla vita personale, emotivo e professionale di una persona. E 'quindi importante cercare un aiuto professionale, non appena i sintomi rivelatori manifestano, al fine di diagnosticare correttamente, controllare e gestire la malattia, permettendo al paziente di condurre il più normale vita possibile, afferma il dottor Lisa Albert, uno psichiatra specialista con sede presso Akeso Milnerton clinica psichiatrica.

Quali sono i sintomi della schizofrenia?

La schizofrenia è una delle malattie psichiatriche più stigmatizzate. Si tratta di una malattia cronica e invalidante caratterizzata da deliri, allucinazioni, eloquio disorganizzato e comportamenti, e altri sintomi.

La schizofrenia in genere viene eseguito un corso ciclico in cui ci possono essere diversi episodi di psicosi acuta quando la persona perde il contatto con la realtà.

load...

Quali sono le cause della schizofrenia?

Le cause esatte della schizofrenia sono sconosciuti.

“E 'probabile che sia il risultato finale di una complessa interazione tra fattori genetici, biochimici, di sviluppo e ambientali. Certe anomalie cerebrali possono essere presenti nelle prime fasi del decorso della malattia, forse anche prima della comparsa dei sintomi clinici. Senza trattamento il corso della schizofrenia è cronica, spesso con un deterioramento del funzionamento sociale e occupazionale, che causano un elevato grado di disabilità “, afferma il dottor Albert.

Chi è a rischio di sviluppare la schizofrenia?

Schizofrenia più comunemente si verifica tra la tarda adolescenza e primi anni '30, ma può verificarsi in qualsiasi fase della propria vita.

load...

Secondo il dottor Albert, la prevalenza generale varia, ma il tasso medio per la schizofrenia è di circa l'uno per cento della popolazione. Questo significa che uno su 100 persone che conosci può essere affetti da questa malattia.

Schizofrenia più comunemente si verifica tra la tarda adolescenza e primi anni '30, ma può verificarsi in qualsiasi fase della propria vita.

“Può anche presente in forme diverse, che vanno da lievi modificazioni in ritiro sociale, l'isolamento, la depressione a sintomi molto gravi, tra cui allucinazioni o deliri, comportamento disorganizzato e di parola. La difficoltà nasce nel vasto natura dei sintomi di presentazione che possono essere vago e difficile da suscitare verso l'altro lato dello spettro dove uno è florida psicotico,”dice.

La differenza tra la malattia di Alzheimer e la schizofrenia

Mentre la schizofrenia e morbo di Alzheimer hanno somiglianze, nel senso che sono entrambi i disturbi del cervello e possono influenzare la memoria, l'attenzione, la concentrazione, l'umore e la psicosi, il morbo di Alzheimer di solito si verifica negli anziani ed è più spesso associata a perdita di memoria - una delle cause più comuni di demenza.

“Inoltre, nei casi di morbo di Alzheimer, domini come ragionamento, astrazione, l'orientamento, la pianificazione e la funzione esecutiva possono anche essere colpiti. Questi possono anche essere influenzati nella schizofrenia, ma spesso più tardi, con le caratteristiche precedenti essendo le false credenze, la perdita di contatto con la realtà, così come il comportamento disorganizzato e pensieri “, spiega Albert.

Come viene diagnosticata e trattata la schizofrenia?

“La schizofrenia è attualmente diagnosticata mediante la combinazione di una storia completa della persona afflitta e la sua / la sua famiglia, seguito da un esame fisico completo e gli esami del sangue speciali. In alcuni casi può essere richiesto scansioni cerebrali. I sintomi sopra descritti devono essere presenti per almeno sei mesi e influenzano la salute sociale, emotivo e professionale “, spiega il dottor Albert.

“La schizofrenia è una malattia cronica, per tutta la vita, proprio come il diabete o pressione alta. Una volta diagnosticata, il paziente avrebbe bisogno di farmaci per trattare i sintomi e prevenire le ricadute su base cronica. Il nostro obiettivo è quello di migliorare costantemente la qualità della vita in termini di biologico, sociale e benessere emotivo “, ha sottolinea.

Approccio multidisciplinare

Farmaci antipsicotici forniscono il cardine del trattamento in combinazione con la terapia dove indicato, e il sostegno per la famiglia, così come l'intervento da parte del team multi-disciplinare tra cui medici, infermieri, psicologi, terapisti occupazionali e assistenti sociali. “Dove necessario, eventuali comorbidità medici o sostanze vengono affrontati e trattati”, spiega Albert.

The Living MHIC-articolo con schizofrenia menziona la necessità di un trattamento multidisciplinare: “L'obiettivo principale del trattamento è quello di mettere il paziente torna nella comunità al più alto livello possibile di funzionamento. Per raggiungere questo obiettivo, un approccio di trattamento combinato che coinvolge un team multi-disciplinare, vale a dire un medico di base, operatori di comunità, così come la famiglia, è necessario.”

L'articolo sottolinea anche che di solito è necessario ammettere il paziente a un'unità psichiatrica durante un episodio acuto: “Non è necessario dimostrare di dimostrare che la psicosi più a lungo rimane non trattata, il più povero a lungo termine risultato. Un minimo di due anni di trattamento è raccomandato per il primo episodio di schizofrenia, prima della riduzione graduale e la sospensione del farmaco possono essere considerati. La maggior parte delle ricadute psicotiche si verificano a seguito del farmaco a cessare del paziente “.

Farmaci antipsicotici di nuova generazione

Negli ultimi anni, sono stati sviluppati antipsicotici 'nuova generazione'. “Questi farmaci sembrano essere più efficace nel ridurre l'isolamento sociale e il ritiro dei pazienti e hanno dimostrato di provocare significativamente meno effetti collaterali rispetto ai loro predecessori”, secondo un articolo su Health24.

“Nella versione precedente della diagnostica, la schizofrenia è stato suddiviso in tipi come paranoico, disorganizzato o catatonico. Il più recente manuale DSM 5 ha riclassificato molte delle malattie e così, anche, è stato riclassificato la schizofrenia rimuovendo le sottotipi in linea con la visualizzazione di malattia mentale lungo un dimensionale piuttosto che un approccio categoriale “, afferma il dottor Albert.

Psicoeducazione

Non appena il paziente ha risposto ai farmaci ei pensieri anormali sono sotto controllo, deve essere iniziato psicoeducazione.

“L'obiettivo di psicoeducazione è quello di informare pienamente il paziente ei familiari circa la malattia e tutti gli altri aspetti del trattamento. Gli argomenti che dovrebbero essere affrontate durante la psicoeducazione sono il riconoscimento precoce dei sintomi della schizofrenia, la prevenzione delle recidive di episodi psicotici, il ruolo dei farmaci e gli effetti collaterali “.

“Fornendo i pazienti ed i loro parenti con quante più informazioni sul disturbo, psicoeducazione, combinato con del caso, il trattamento in corso, può andare un lungo cammino nel migliorare a lungo termine il benessere mentale del paziente”, conclude il dottor Albert:

Fonti: Vivere con la schizofrenia, approfondita panoramica di schizofrenia e cosa è la schizofrenia?