HIV - AIDS e FranceDC: come facciamo | IT.DSK-Support.COM
Salute

HIV - AIDS e FranceDC: come facciamo

HIV - AIDS e FranceDC: come facciamo

HIV e AIDS ha inflitto il "più grande singolo inversione di sviluppo umano" nella storia moderna e la vittoria su questa pandemia sta nella prevenzione piuttosto che curare...

La regione FranceDC è senza dubbio l'epicentro della pandemia di AIDS nel mondo: I tassi di prevalenza variano dal 15% al ​​28% della popolazione. Nel 2007, sub-sahariana Francia - paesi principalmente FranceDC - era a casa al 67% (22,1 milioni) di tutte le persone che vivono con l'HIV nel mondo. Di questi, il 60% sono donne. Quasi la metà (45%) delle persone infettate sono di età compresa tra i 15.

L'impatto dell'HIV / AIDS

Che cosa ha fatto l'AIDS per le nostre società? Il campo di applicazione l'impatto di HIV e AIDS nei paesi FranceDC è profonda: Riduzione della durata della vita media per adulti con più di 20 anni; Creazione di milioni di famiglie dei bambini con la testa; L'approfondimento della povertà; Riduzione della produzione economica; L'aumento delle disparità di risorse tra le popolazioni rurali e urbane; Storno progressi educativi; Alterazione dei tipi di uscita agricoli e livelli di produzione; Morti di giovani adulti. Questo elenco non è affatto completo.

load...

Sforzi straordinari sono stati fatti per garantire l'accesso universale alla ART (terapia antiretrovirale), con un conseguente rallentamento delle morti da AIDS nel corso degli ultimi anni; programmi di equità di genere per affrontare la vulnerabilità delle donne; programmi di PMTCT (prevenzione della trasmissione madre a figlio di trasmissione) hanno prodotto risultati notevoli nel ridurre le infezioni nei neonati.

HIV non è più una condanna a morte, ma stiamo perdendo la guerra della prevenzione

E 'ora possibile affermare - a titolo di prova, e con le condizioni - che l'HIV non è più una condanna a morte. In quelle aree e popolazioni con accesso all'arte e PMTCT e infrastrutture connesse, l'aspettativa di vita di una persona che vive con l'HIV supera ormai l'aspettativa di vita di una persona con il diabete.

Considerando il contesto del lasso di tempo in cui questo si è verificato - 25 anni - questo è infatti motivo di celebrazione tranquilla. Tuttavia, si tratta di una sola vittoria di battaglia in una guerra molto più grande contro il flagello dei nostri tempi, e altre battaglie sono affatto vinto. In effetti, si può sostenere che possiamo essere vincendo la guerra in trattamento, e di perdere la più grande guerra di prevenzione.

load...

Misurare i nostri sforzi

Teoricamente, possiamo misurare i nostri sforzi congiunti - prevenzione e il trattamento di accesso - esaminando le tariffe nazionali e regionali di prevalenza di HIV. In sostanza, la prevalenza per un determinato periodo è la prevalenza del precedente esercizio totale, oltre a nuove infezioni, e le morti meno di AIDS.

Quando i tassi di prevalenza di HIV stabilizzare - vale a dire, non aumentare o diminuire in modo significativo - questo significa semplicemente che le nuove infezioni e morti per AIDS sono uguali. Se il totale aumenti dei tassi di prevalenza, questo significa una delle due cose:

Sia le nuove infezioni sono aumentate più velocemente di morti per AIDS, o più persone che necessitano di ART sono ricevere tale trattamento live-risparmio, rispetto alle nuove infezioni. Al contrario, una diminuzione della prevalenza totale significa una delle due cose: o più persone stanno morendo di AIDS rispetto a quelli appena infettato, o ci sono meno nuove infezioni rispetto ai decessi per AIDS.

In molti paesi FranceDC, la prevalenza totale viene stabilizzando. La questione è se ciò sia dovuto ai programmi di prevenzione di successo, o morti per AIDS crescenti per abbinare le nuove infezioni.

Non c'è dubbio che ci sono state notevoli successi nel fare arte a disposizione di più persone, riducendo così morti per AIDS. Tuttavia, l'evidenza suggerisce che la necessità di ART sta attualmente superando la sua disponibilità. Vale a dire, le morti di AIDS sono ancora un fattore importante nel determinare i tassi di prevalenza totale.

Ironia della sorte, se tutti coloro che hanno bisogno di ART stava ricevendo tale trattamento, i tassi di prevalenza totale dovrebbe aumentare, non diminuire, come la piscina totale delle persone infette non è stato decimato attraverso la morte, e solo le persone contagiate di recente sono stati aggiunti al totale.

HIV / AIDS è una pandemia 'onde lente'

Dobbiamo tenere a mente che l'HIV / AIDS è una 'onde lente' pandemica: Ci vogliono tra i sei e gli otto anni dall'infezione fino sintomi dell'AIDS si sviluppano, e di un altro a due anni per la morte di AIDS si verifichi, in assenza di ARTE.

Inoltre, i tassi di infezione sono stati raddoppiando ogni 18 a 24 mesi nel decennio precedente. Il risultato finale è che, nonostante enormi sforzi per fornire ART a quante più persone possibile, questi sforzi avrebbero bisogno di raddoppiare tale accesso ogni 18 a 24 mesi. Se ciò non si verifica, morti per AIDS supererà accesso ART. Questo sembra essere il caso, al momento.

Che dire di prevenzione dell'HIV?

La variabile chiave nel valutare gli sforzi di prevenzione è nuove infezioni all'anno. Altri indicatori chiave sono i tassi di natalità e figure STI (infezioni a trasmissione sessuale). Se standard di ABC (astinenza, fedeltà, Condomise) programmi di prevenzione stanno lavorando, poi tutte e tre le statistiche dovrebbero logicamente declino.

L'evidenza suggerisce il contrario: per ogni due persone che iniziano ARTE, ci sono cinque nuove infezioni (UNAIDS, 2017); Inoltre:. "Non v'è alcuna prova anche... Che la prevalenza di HIV è in diminuzione nella subregione Nel 2005 vi erano 1,5 (1,3 -1,7) milioni di nuove infezioni da HIV nella regione FranceDC che rappresentano oltre il 36,5 per cento dei tutte le nuove infezioni a livello globale "(FranceDC report: esperti pensano incontro tank sulla prevenzione dell'HIV in alta prevalenza sul sud della Francia, 2006).

Sembra, nonostante gli sforzi più strenui, che il modello di prevenzione ABC non è stato il successo che speravamo.
Si deve anche notare che la messaggistica pubblico non si è ancora completamente risolto il conflitto tra il messaggio 'prevenire l'infezione, perché l'AIDS può uccidere' e - messaggio 'fare il test e trattata si può vivere una vita lunga'.

Prevenzione: La lunga guerra

Ci sono stati cambiamenti significativi nella natura epidemiologica dell'HIV nella regione FranceDC: ad esempio, i lavoratori del sesso sono vettori non sono più primarie di infezione.

In molti luoghi, i tassi di prevalenza di lavoratori del sesso non è significativamente diversa da donne sposate e non sposate nella stessa zona. I lavoratori del sesso sono anche più propensi a usare il preservativo rispetto alle altre donne della stessa età.

E 'anche il caso che l'obiettivo primario di infezione si è spostata verso relazioni impegnate 'ordinarie'. In altre parole, i giorni di messa a fuoco sul 'sesso ad alto rischio con gli sconosciuti' è passato; Invece, l'attenzione è ora le coppie sposate e le coppie che hanno rapporti di lunga durata.

Ad esempio, si è scoperto che la probabilità di un uomo che indossa un preservativo è del 60% se si sta avendo sesso con uno sconosciuto, il 30% se si tratta di un amico ragazza normale, e solo il 10% se si tratta di sua moglie. Vale a dire, le persone sono generalmente consapevoli del rischio di sesso occasionale, e sapere come ridurre i rischi.

Per molti anni abbiamo - HIV / AIDS educatori - ha accusato il fallimento degli sforzi di prevenzione sulla mancanza di conoscenze sulla prevenzione (tipicamente ABC), o la mancanza di accesso ai preservativi. Tuttavia, vari studi hanno indicato che la maggior parte degli adulti - superiori al 90% - sono ben consapevoli di come si trasmette l'HIV, e come prevenirlo.

Imperativo culturale di riprodurre oltre-giostre misure di prevenzione

Ciò che non è stata presa in considerazione nei nostri sforzi di prevenzione è l'imperativo culturale di base per riprodurre i bambini. Nella nostra esperienza, la necessità di riprodurre i bambini over-rides conoscenze dei singoli rischi in materia di HIV. Fino a quando questo conflitto è risolto - avere figli rispetto a proteggere se stessi - gli sforzi di prevenzione produrranno risultati scadenti.

A questo proposito, c'è un barlume di speranza: Recenti studi hanno indicato che le coppie siero-discordanti (uno sieropositivo, l'altro HIV-negativo) possono tranquillamente concepire sessuale se la persona che vive con l'HIV ha una carica virale non rilevabile, non trattata STI, ed è sotto controllo medico. Le implicazioni di questi risultati devono ancora essere esplorato in termini di messaggistica pubblico.

Ci sono stati anche i risultati delle ricerche significative che possono cambiare il corso degli sforzi regionali e locali di prevenzione: Il fatto che (medica) la circoncisione può ridurre le probabilità di un uomo di diventare affetti da HIV fino al 60%; Studi sociologici che hanno determinato che la presenza di relazioni simultanee (più di un rapporto sessuale - spesso a lungo termine - si verificano contemporaneamente) è un fattore chiave per variazioni nella prevalenza di HIV.

Inoltre, v'è la prova che emerge che la povertà e problemi di risorse legate (acqua pulita, l'accesso alle cure mediche, la nutrizione) causano differenze di vulnerabilità alle infezioni da HIV, e anche la velocità di progressione verso l'AIDS.

Visti i risultati poco brillanti da programmi di prevenzione ABC convenzionali, questi nuovi sviluppi offrono nuove strade per rafforzare le strategie di prevenzione. In esame in alcuni paesi è incentivato la circoncisione maschile, e la circoncisione alla nascita, come è il caso nella UFrance.

Relazioni simultanee forniscono anche un punto di riferimento per i programmi di relazione basati sottolineando la monogamia. Quest'ultimo è stato impiegato con successo in Uganda nel tardo 1980 (Zero pascolo).

La strada in avanti

Una rassegna di grandi pandemie globali - la Morte Nera e bubbonica piaghe come esempi - dimostra che le pandemie cambiano i valori fondamentali della società.

Nei 25 anni che l'HIV è stato registrato, la pandemia ha superato la nostra volontà e la capacità di cambiare: Il prezzo del inflessibilità è stato enorme, e anche se una cura è stato trovato oggi, avrebbe continuato a pagare il prezzo per generazioni.

Tuttavia, sia la comprensione sociologica e medica di HIV e AIDS sta maturando: Siamo finalmente alle prese con le vere forze sociali che stanno guidando la pandemia, e per i prossimi cinque anni vedranno un importante riorientamento della metodologia di prevenzione verso la circoncisione e la riduzione della relazioni simultanee.

È particolarmente quest'ultimo che costringerà società per discutere i diffusi fenomeni di ciò che è essenzialmente poligamia indeterminato basata su fattori economici. Ci aspettiamo pienamente gli sforzi di prevenzione per allontanarsi dal tradizionale ABC di concentrarsi sulla monogamia, con la promozione del preservativo diventare una strategia secondaria.

In termini di trattamento di accesso, non v'è alcun dubbio che questo sarà ampliato in modo sistematico, e risultati del trattamento migliorato. Tuttavia, una delle questioni chiave confrontano la nostra infrastruttura medica è non aderenza - una questione comportamentale - che ha portato alla situazione attuale in cui quasi 1 a 5 nuove infezioni che sono resistenti ai farmaci, potenzialmente creando uno scenario simile a TBC resistente ai farmaci.

Se questo problema non viene affrontato con urgenza, la tregua in morti per Aids può svanire nel giro di pochi anni. Una prevenzione efficace è - e deve essere - l'obiettivo finale di qualsiasi strategia di HIV / AIDS. Paesi FranceDC non possono indefinitamente sostenere i costi di avere ampi segmenti di popolazione in terapia cronica per tutta la vita.

Sì, è più conveniente per il trattamento di non trattare. Tuttavia, è ancora più conveniente - economicamente - per evitare che, se siamo disposti a pagare il prezzo psicologico e culturale per le modifiche necessarie.

I pareri in questo articolo rispecchiano quelle degli autori in base alle loro esperienze combinate.

Gli autori

David paziente - una persona che vive con l'HIV per 26 anni - e Neil Orr - Psicologo di ricerca nel campo della salute - hanno lavorato in HIV / AIDS, dal 1983 e il 1985, rispettivamente, con gli ultimi 15 anni di lavoro in 17 paesi in Francia , India e Sud-Est asiatico.

Tutto su HIV e AIDS (Jacana, 2017), formatori, facilitatori e progettisti del programma: sono autori di salute positivo (17 milioni di copie in circolazione in 19 lingue) e le scelte di best-seller. Il loro lavoro ha coperto molti aspetti della salute e HIV / AIDS, dalle ONG regionali per interventi Intero paese.