Il francese porta con il primo trapianto di cultura della pelle | IT.DSK-Support.COM
Salute

Il francese porta con il primo trapianto di cultura della pelle

Il francese porta con il primo trapianto di cultura della pelle

Primo trapianto di pelle la cultura del mondo

In un altro passo avanti in grassetto, il governo Salute Western Cape può orgogliosamente annunciare che un team di medici a Tygerberg Hospital e Stellenbosch University hanno eseguito prima salva-vita di successo del mondo e rapporto costo-efficacia del trapianto cultura della pelle.

L'innovazione di livello mondiale dal dottor Wayne Kleintjes, capo dell'unità di ustioni per adulti a Tygerberg Hospital e docente di Scienze Chirurgiche della Stellenbosch University, ha provocato due ustioni vita dei pazienti essere salvati.

La procedura

Al fine di eseguire la procedura innovativa, Dr Kleintjes sviluppato una tecnica che è simile ad altre tecniche che utilizzano autologo coltivate (proprio) pelle, ma si differenzia in quanto alcuni prodotti utilizzati per la coltura pelle, non sono stati utilizzati precedentemente per questo scopo.

load...

Altre opzioni per i trapianti di pelle comprendono trapianti (utilizzando la pelle dei donatori) o xenotrapianti (usando la pelle di altre specie). Tuttavia entrambi questi metodi sono copre solo la pelle temporanea, e di solito sono respinti dal destinatario, dopo due - quattro settimane.

I primi pazienti

Il primo di questi pazienti a ricevere questo trattamento è stato un ragazzo di 16 anni che era stato in terapia intensiva per tre mesi con nessun miglioramento. Come vittima di un incendio, era troppo debole per 'normali' trapianti di pelle, il suo peso è sceso a soli 19 chilogrammi.

Rendendosi conto che aveva bisogno di qualcosa di drammatico per salvare il suo paziente, il dottor Kleintjes intrapreso il trattamento che è scarsamente documentata in letteratura. I risultati sono stati straordinari in quanto il paziente è stato dimesso dalla terapia intensiva solo due settimane dopo aver ricevuto il trapianto.

load...

“Ho appena saputo che avevamo bisogno di un intervento speciale per salvare il ragazzo. Anche se la raccolta di fondi era stato pianificato con la famiglia per assicurare il finanziamento per un trapianto Epicel Colta epidermico autologo (CEA) (come Pippie Kruger aveva), vi era un divieto di importazione posto sul prodotto. Così l'unica via d'uscita era quella di fare un piano noi stessi “, ha detto il dottor Kleintjes.

Il secondo paziente con 63 percentuale totale ustioni superficie corporea era fuori ICU in quattro settimane dopo il trapianto con un totale di soli due sessioni innesto pelle per completare la chiusura della ferita. Una volta che la prima procedura ha avuto successo, un secondo paziente è stato trattato nel febbraio 2017.

Salvare vite in sicurezza nel rispetto del budget

L'obiettivo primario con il metodo è quello di salvare la vita dei pazienti. L'obiettivo secondario è quello di farlo in modo sicuro e nel rispetto del budget - un aspetto importante di tutte le cure della salute pubblica.

Il costo complessivo sostenuto dai prodotti ospedale è stato di euro 63 e in confronto, le tecniche Epicel Colta epidermico autologo sarebbe costato almeno EUR 1, 8 milioni per realizzare la copertura simile per il primo paziente.

L'uso continuato della tecnologia e la messa a punto dello stesso sarà oggetto di uno studio di ricerca condotto dal Dott Kleintjies a Stellenbosch University Facoltà di Medicina e Scienze della Salute.

Nuove speranze per le vittime di ustioni

Fino ad oggi le prospettive per i pazienti in Francia che avevano subito ustioni estese era piuttosto desolante. Gli attuali metodi di trattamento convenzionali spaziano dalla gestione rudimentale di dolore e disagio a tecniche di trapianto altamente specializzati, a seconda della disponibilità di risorse. Se sopravvivono, i pazienti hanno affrontato lunghi soggiorni e strazianti in unità di terapia intensiva degli ospedali con risultati alterni, alla fine del trattamento intensivo. L'effetto negativo di gravi ustioni sulle vittime e le loro famiglie, inoltre, non può essere sopravvalutato.

La disponibilità di questa nuova tecnica ha messo in discussione il modo in cui valutiamo la prognosi gravi ustioni della vittima. Ora siamo in grado di offrire un trattamento fattibile e conveniente, salva-vita, rendendo le prospettive in precedenza desolante molto più brillante.

“Siamo molto orgogliosi dei nostri medici; la loro ricerca incessante per l'eccellenza e il loro spirito di innovazione - spesso all'interno di un ambiente economico vincolato. Attualmente questo progetto è in una fase di sviluppo. Una volta che si guadagna slancio potrebbe essere introdotto come parte del protocollo provinciale normale e potrebbe essere condiviso con altre province e il settore privato “, ha detto il capo del dipartimento, il dottor Beth Engelbrecht.