La cannabis può essere usata per trattare le fratture | IT.DSK-Support.COM
Salute

La cannabis può essere usata per trattare le fratture

La cannabis può essere usata per trattare le fratture

Fratture ossee e cannabis

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università di Tel Aviv e l'ebraico University ha scoperto che la somministrazione del non-psicotropo cannabidiolo componente cannabinoidi (CBD) aiuta in modo significativo a guarire le fratture ossee.

Cannabis (marijuana) è stato utilizzato come un go-to rimedio medica in tutto il mondo per secoli. L'uso terapeutico della marijuana è stato vietato nella maggior parte dei paesi nel 1930 e '40 a causa di una crescente consapevolezza dei pericoli della dipendenza.

I significativi benefici medici della marijuana per alleviare i sintomi di malattie come il Parkinson, il cancro e la sclerosi multipla sono stati recentemente una nuova inchiesta solo.

load...

Lo studio

Lo studio, condotto su ratti con fratture mid-femorale, ha scoperto che CBD - il principale componente psicoattivo della cannabis - notevolmente migliorato il processo di guarigione del femore dopo appena otto settimane.

I ricercatori hanno iniettato un gruppo di ratti con la sola CBD e un altro con una combinazione di CBD e THC. Dopo aver valutato la somministrazione di THC e CBD insieme nei ratti, hanno trovato CBD solo garantire il necessario stimolo terapeutico.

"Abbiamo scoperto che CBD da solo rende le ossa più forti durante la guarigione, migliorando la maturazione della matrice di collagene, che fornisce la base per la nuova mineralizzazione del tessuto osseo", ha detto il dottor Gabet. "Dopo essere stati trattati con CBD, l'osso guarito sarà più difficile da rompere in futuro."

load...

Potrebbe cannabis combattere l'osteoporosi?

La stessa squadra, in precedenti ricerche, ha scoperto che i recettori dei cannabinoidi all'interno del nostro corpo hanno stimolato la formazione delle ossa e la perdita ossea inibito. Questo apre la strada per il futuro impiego di farmaci cannabinoidi per combattere l'osteoporosi e altre malattie delle ossa legate.

Secondo il Dott Gabet, i nostri corpi sono dotati di un sistema dei cannabinoidi, che regola entrambi i sistemi vitali e non vitali. "Rispondiamo solo alla cannabis perché siamo costruiti con composti intrinseche e recettori che possono anche essere attivati ​​con composti nella pianta di cannabis," ha detto. I ricercatori hanno scoperto che lo scheletro in sé è regolato da cannabinoidi. Anche l'aggiunta di un composto non psicogena che agisce al di fuori del cervello può influenzare lo scheletro.

"Il potenziale clinico di composti cannabinoidi relativo è semplicemente innegabile, a questo punto", ha detto il dottor Gabet. "Anche se c'è ancora un sacco di lavoro da fare per sviluppare terapie appropriate, è chiaro che è possibile staccare un obiettivo terapia clinica dal psicoattività di cannabis. CBD, l'agente principale nel nostro studio, è in primo luogo anti-infiammatorio e non ha psicoattività."