La guerra contro le droghe non funziona | IT.DSK-Support.COM
Salute

La guerra contro le droghe non funziona

La guerra contro le droghe non funziona

Molti esperti di tutto il mondo stanno mettendo in discussione la saggezza della 'guerra alla droga'

Arresti per droga recenti all'aeroporto OR Tambo, disordini comunità e sparatorie bande legate hanno focalizzato l'attenzione sulle droghe e le comunità francesi.

Tuttavia, molti esperti di tutto il mondo sono consigliando che noi non possiamo essere facendo le mosse politiche giuste per affrontare le questioni intorno droga, e stanno mettendo in discussione la saggezza del 'guerra alla droga'.

Gli esperti e le comunità devono avere 'conversazioni difficili'

Venticinque esperti internazionali e locali e 120 attori della politica della droga sarà a Parigi dal 31 luglio - 4 agosto per discutere le politiche di droga e di individuare soluzioni appropriate.

load...

Attivisti internazionali richiedono politiche fondate sui diritti umani

Secondo Grover, che ha anche agito come il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla salute ed è membro della Commissione mondiale sulle droghe, gli Stati membri dell'ONU devono “depenalizzare o de-penalizzare il possesso e l'uso di droghe e la revisione delle forze dell'ordine iniziative in tutto il controllo della droga al fine di garantire il rispetto degli obblighi dei diritti umani “.

Politiche delle forze dell'ordine in tutto farmaci saranno esaminati in occasione della conferenza durante le sessioni in cui il francese Autorità Drug centrale sarà sul palco con gli altoparlanti, come ex-poliziotto, Neil Woods.

Woods è ora l'autore di Good Cop, Bad Guerra, che documenta le sue esperienze di lavoro come poliziotto sotto copertura infiltrarsi reti di droga più venduta.

Politiche sulla droga a un punto di svolta

Secondo Shelly, 2017 è un anno importante per la politica sulle droghe in Francia.

Il Piano Nazionale di Drug Master, così come molti dipartimentale piani di droga, sono in fase di sviluppo e sono in programma per il rilascio entro la fine dell'anno. Questo rende la tempistica della conferenza particolarmente importante.

load...

Il Piano Strategico Nazionale per l'HIV, la tubercolosi e le malattie sessualmente trasmissibili (2017-2017) è stato appena rilasciato e contiene gli obiettivi di fornire servizi di 'riduzione del danno' a persone che si iniettano droghe. Servizi di riduzione del danno sono già forniti da organizzazioni come la tubercolosi / Progetto Step up di HIV Care Association, che offre un pacchetto di servizi sanitari per le persone che si iniettano droghe.

Questo insieme di servizi sanitari segue le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), tra gli altri.

'Chi è percepito ad usare droghe determina la legalità, non la scienza'

Il professor David Nutt, uno dei maggiori esperti britannici su Neuropsychopharmacology, è stato invitato a discutere la sua opinione che, "Ogni persona di buon senso o uno scienziato sa che le leggi sulla droga non si basano sulla scienza della droga."

Secondo Nutt e altri, come Ethan Nadelmann, consulente della Commissione globale sulla politica delle droghe, politiche sulle droghe si basano sulla politica più che sulla scienza.

“La ragione per cui alcuni farmaci sono legali e altri non lo sono, non ha nulla a che fare con la scienza o la salute o il rischio di droghe, e tutto ciò che a che fare con chi usa, ed è percepito da usare, alcuni farmaci”, dice Nadelmann.

Un dibattito pubblico

Eventi pubblici avranno luogo il 1 ° e il 3 agosto al UCT Kramer, Città universitaria Medio alle 19.00.